La spiaggia, Cesare Pavese

La spiaggia, Cesare Pavese

​Consiglio di lettura n. 1

Il 13 novembre, per il secondo incontro del gruppo di lettura di Lampioni Aerei, è stato scelto La spiaggia di Cesare Pavese. Il romanzo breve viene pubblicato a puntate nel 1941 sulla rivista «Lettere d’oggi» e in volume un anno dopo.

copertina di Filippo Ilderico

Nel 1946 lo stesso autore ne diede una definizione piuttosto dura e categorica definendolo «[…] il mio romanzetto non brutale, non proletario e non americano – che pochi per fortuna hanno letto – non è scheggia del monolito. Rappresenta una mia distrazione, anche umana, e insomma, se valesse la pena, me ne vergognerei. È quello che si chiama una franca ricerca di stile».

La spiaggia è una delle prime opere di Pavese, considerato, appunto, un esercizio di stile nel quale è possibile intravedere i temi della narrativa pavesiana: «l’amicizia, le radici, le descrizioni di paesaggi indimenticabili».

Pochi personaggi, il confronto fra l’oziosa vita di spiaggia ligure e la città di Torino, la nostalgia della giovane età, la critica della vita borghese raccontati in questo romanzo intenso e malinconico costituiscono, di fatto, i primi passi di un Pavese che, dopo l’esordio di Paesi tuoi (1941), propone tematiche che costituiranno gran parte della sua letteratura.

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Novità

Il gigante sepolto, Kazuo Ishiguro

Nel romanzo “Il gigante sepolto”, Kazuo Ishiguro crea un mondo dai tratti fantastici ma talmente realistici da inquietare il lettore.

Incroci di poesia n. 4

Per questo quarto incrocio due poeti degli anni Novanta dalla Puglia e dalla Campania, Stefano Modeo (1990) e Eleonora Rimolo (1991), con poesie provenienti rispettivamente dalle sillogi La terra del rimorso (ItalicPequod, 2018) e La terra originale (LietoColle-pordenonelegge, 2018).

La mascherina della morte

La mascherina della morte Nel racconto The Masque of the Red Death[1] Poe ha cercato di incrementare in maniera grottesca la consapevolezza della nostra ineluttabile fine; fatto

Incroci di poesia n. 3

Per questo terzo incrocio due poeti laziali degli anni Novanta, trasferitisi recentemente a Milano, Francesca Santucci (1991) e Giorgio Ghiotti (1994), con poesie provenienti rispettivamente dalla silloge d’esordio La casa e fuori (LietoColle-pordenonelegge, 2019) e dalla silloge di prossima uscita Alfabeto primitivo (Perrone, 2020).

Login