Il tempo materiale, Giorgio Vasta

Il tempo materiale, Giorgio Vasta

​Consiglio di lettura n. 2

«Ogni nostra comunicazione, penso, è un gioco e un’agonia»

Giorgio Vasta, Il tempo materiale - minimum fax, 2008
copertina di Chiara Mutti

Il tempo materiale (minimum fax, 2008), romanzo di esordio di Giorgio Vasta, è innanzitutto una riflessione sulle conseguenze tragiche delle parole. Il racconto segue infatti le vicende di tre undicenni che si interrogano sulle pratiche e sul linguaggio del terrorismo.

È il 1978, l’ anno del sequestro di Moro, e i tre ragazzini – Nimbo, Volo e Raggio – decidono di imitare le Brigate Rosse fondando una cellula terrorista, il NOI (nucleo osceno italiano). Inizia allora una rivolta prima privata e poi pubblica a Palermo, lì dove «in tutte le strade l’asfalto è pieno di spaccature; sono le scuciture di un tessuto nero, i varchi attraverso i quali il male entra nel mondo». Mano a mano scoprono che il corpo è uno spazio politico, una partita che si gioca nello stare insieme. Scoprono anche, però, che i corpi e i discorsi sono superfici da attraversare e deformare. Per questo Il tempo materiale è anche un viaggio alla scoperta della sessualità e della violenza, e uno studio sulla colpa. Ci saranno pedinamenti, sequestri e la ricerca continua di capri espiatori, mentre il confine tra vittime e carnefici si farà sempre più labile.

Vasta cerca di raccontare gli effetti della Storia sull’immaginario italiano. Per farlo utilizza il punto di vista straniato di tre ragazzini che tentano di mettere al mondo il mondo.

«Il problema, penso, è questo. Avere bisogno di parlare. Trovare il modo di tradurre la fame in parole. Se non trovo un linguaggio, la fame resterà fame»

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

I nostri consigli nascono attraverso il confronto avviato all’interno del nostro progetto “Gruppo di lettura“. Visita la pagina “Progetti” per scoprire di più sulle iniziative di Lampioni Aerei

Lascia un commento

Novità

La marcia di Radetzky, Joseph Roth

Il romanzo più noto di Joseph Roth, del 1932, tratteggia con toni elegiaci e quasi nostalgici la fine dell’impero asburgico attraverso le vicende di tre generazioni della famiglia Trotta.

Incroci di poesia n. 6

Per questo sesto incrocio due poeti nati negli anni Ottanta e Novanta, uno toscano e uno calabrese, Bernardo Pacini (1987) e Demetrio Marra (1995), con poesie provenienti rispettivamente dalle raccolte Cos’è il rosso (Edizioni della Meridiana, 2013) e Fly mode (Amos Edizioni, 2020), e da Riproduzioni in scala (Interno Poesia, 2019).

Rimini come Hollywood, come Nashville

Rimini, uscito nel 1985 e ora disponibile nella collana “Classici contemporanei” della Bompiani, si pone esattamente al centro della produzione letteraria dello scrittore emiliano e rappresenta, per svariati aspetti, il turning point della sua opera.

Il Simbolo nella pratica poetica

Dall’evento “Il simbolo nella pratica poetica”, video, trascrizioni e approfondimenti partendo dalle parole di Fabio Pusterla. (ARTICOLO IN AGGIORNAMENTO)

Login