Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Dentro la poesia OFF – Domenico Brancale

27 Novembre 2019 | 20:30 21:30

Il laboratorio Dentro la poesia, a cura di Tommaso Di Dio, dischiude le sue porte con un incontro aperto a tutta la cittadinanza.
Domenico brancale, in occasione della pubblicazione di SCANNACIUCCE (Mesogea edizioni, 2019) – dopo l’incontro con i partecipanti al laboratorio – leggerà alcune sue poesie dialogando con Federico Ferrari e Anna Ruchat. Presenta l’incontro Tommaso Di Dio.

Registrati e riserva un posto all’evento

Sarà possibile riservare un posto solo fino alle ore 15.00 del giorno dell’evento

Servono solo nome, cognome e un’indirizzo email per riservare un posto all’evento. Riceverai una mail di conferma entro due giorni lavorativi.

Domenico Brancale, poeta e performer, nasce il 5 giungo 1976 a Sant’Arcangelo (Basilicata). Vive a Bologna e Venezia.
Ha pubblicato: Cani e porci (2001, Ripostes), L’ossario del sole (Passigli, 2007), Controre (Effigie, 2013), incerti umani (Passigli, 2013), Per diverse ragioni (Passigli, 2017) e Scannaciucce (Mesogea, 2019) che raccoglie tutti i suoi testi in dialetto lucano. Ha curato il libro Cristina Campo In immagini e parole (Ripostes, 2002), e tradotto Cioran, Michaux, John Giorno, Claude Royet-Journoud, Victoria Xardel.
È tra i curatori della collana di poesia straniera “Le Meteore” per Effigie e della collana “Prova d’Artista” per la Galerie Bordas.
Il suo lavoro sulla voce e sullo spazio ha prodotto le performance: Nessun sole sorge senza l’uomo (Monte Calvario, Sant’Arcangelo 2007); Questa deposizione rischiara la tua assenza (Gasparelli Arte Contemporanea, Fano 2009), un sempre cominciamento (galerie hus, Paris 2012), Nei miei polmoni c’è l’attesa (Galleria Michela Rizzo, Venezia 2013), Incerti umani (Galleria de Foscherari, Bologna 2013), Se bastasse l’oblio (MAC Lissone, 2014), Langue brûlé (Palais de Tokyo, Paris 2014), Scannaciucce – una lode dell’Asino (Matera, 2019).

Da Cani e porci (Ripostes, 2001)

Qua e pure là
sono tutti usciti pazzi
E chi lo sa
se pure io una mattina
mi sveglio con la luna storta
e poi me la rompo, la testa
contro uno specchio di luce.
 Qua e pure a’llà
so tutte i’ssute pacce
E chi lu sàpe
si pure i na matine
mi gauzère ‘ppa lune storte
e po’ m’a ruppère ‘a cape
‘mbacce a nu spezzie di luce.

Da Canti affilati (Masoero, 2003)

Solo una tra queste parole
conficcate nella terra
ha i segni dell’agave
forse deve essere perché
ha la foia di spaccare i pensieri
sull’orlo della lingua
Guna ndutte mmienz’ a ’ssi parole
mburchiàte nd’ ’a terre
téne o segne d’u scannaciucce
mbàreche add’ ’a i’esse picché
tèn’ ’a mònde di jaccà o pinzière
mbìzz’ ’a lenga

Dove si svolgerà l’evento

Negozio civico Chiamamilano

Via Laghetto, 2
Milano, Italia 20122 Italia
+ Google Maps
http://www.chiamamilano.it/

Gli organizzatori dell’evento

Lampioni Aerei

www.lampioniaerei.it

ChiAmaMilano

www.chiamamilano.it

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *