Incroci di poesia n. 1

Maria Borio e Marco Villa

Incroci di poesia n. 1

La rubrica Incroci di poesia, a cura di Francesco Ottonello, intende presentare a ogni uscita quattro testi di due poeti contemporanei delle nuove generazioni, tratti da raccolte edite negli ultimi anni o inediti, con l’idea di provare a fare incrociare nomi, provenienze, poetiche, e sentire come riverberano i versi e le parole nello spaziotempo virtuale di un incrocio.

Copertina "Incroci di poesia n. 1" - Maria Borio e Marco Villa
copertina di Filippo ilderico

Per questo primo incrocio due poeti degli anni Ottanta, Maria Borio (1985) e Marco Villa (1989), una di origine umbra e uno lombarda, con poesie provenienti rispettivamente dalla silloge Trasparenza (Interlinea, 2019), più un inedito, e da Un paese di soli guardiani (Amos, 2019).

Maria Borio

Inedito

Dal deserto rosso

 

Sono un punto solo nel deserto rosso:

oggi è questa la mia dimensione, un punto

che non ha lunghezza, larghezza, profondità,

caduto dalla parte più alta del cielo su una terra

piena di silenzio e pura improvvisamente.

Ti scrivo dalla zona rossa, ed è questa la verità:

i confini sono tracciati, il rosso ha riempito lo spazio

senza entrata né uscita, e tutti sono come me,

punti soli, senza illusione, nella prima primavera

del millennio che al tempo sta cambiando la faccia.

Ti scrivo e da questa stanza sussurro che se un punto

non ha dimensioni è perché forse le ha unite tutte in sé?

Pensarsi è unirsi – mentre la notte e il giorno

hanno un unico colore, e impariamo a pensarci,

e un bene, come mai, nuovo.

Marco villa

da Un paese di soli guardiani

Quindi, vorresti essere il paesaggio per salvarti,

ma un albero, con la tua mente, lo torceresti

in modo davvero penoso,

un albero che fa sesso come se stesse soffrendo

senza rendere conto a nessuno:

forse la immagini così, la morte.

Quindi smetti di seccare la natura,

cammina e sbaglia tutto – saremo qui,

ti giudicheremo come è giusto,

con amore, senza le vecchie pietà.

Maria Borio

da Trasparenza

1980

La provincia si è riempita di case nuove.
C’è una felicità. Non eravate ancora nati.
Le case salde di coppie eternabili.

Pensavamo che si espandesse per gru altissime
e alberi trapiantati l’anello di catrame
che terminava nel campo e il campo sereno

come di fronte a uno spettacolo. Dici
non eravate ancora nati, ma esisteva una forma
su cantieri e famiglie: le radici che forzavano,

il catrame, le gru montate, i figli nati,
uno per uno un’automobile, la felicità
come pelle nutrita di un rettile.

Una primavera calda vi taglia adesso
fra le buste della spesa e i bulbi nel cellofan:

ci taglia dove dico guardate il campo con le rovine
delle immagini, il tubo catodico spezzato.

Nel suono fermo della televisione
le case indietro si sbriciolano nel video:

le tiriamo fuori, allacciamo il tetto con il grano.
Senza noi invecchiate come non fossimo nati –

miniatura finita, acqua ragia, ologrammi
dentro tutto il paesaggio.

Marco villa

da Un paese di soli guardiani

È il suo modo di pregare.

La sera il tavolo è un rettangolo, il tempo

è un ticchettio, il bicchiere

d’acqua; nessuno parla, ma se parlasse

ogni lingua sarebbe dolcemente straniera.

Respira fra le cose.

Potrebbe distrarsi, invece mani sul tavolo,

schiena dritta e guarda, mentre

l’acqua semplifica le sensazioni,

livella i dettagli, lui dettaglio

in una lunga storia. Ora è forte,

con tutta la calma del mondo

protrae un po’ la stanchezza,

la stabilizza e sente

che potrebbe digiunare in eterno.

Respiro ticchettio acqua occhi aperti.

C’è solo la luce della sera

che entra in una stanza vuota.

Quel muro è una finestra.

Riposa fra le tautologie.

Marco Villa (Lecco, 1989) ha pubblicato il libro di poesie Un paese di soli guardiani (Amos, 2019) e come saggista la monografia La sintassi di Somiglianze. Sulla poesia di Milo De Angelis (Pacini, 2019). È fondatore e redattore del sito Formavera.

Maria Borio (Perugia, 1985) ha pubblicato le raccolte Vite unite (XII Quaderno italiano di poesia contemporanea, Marcos y Marcos, 2015), L’altro limite (pordenonelegge-lietocolle, 2017) e Trasparenza (Interlinea, 2019). Come saggista sono uscite le monografie Satura. Da Montale alla lirica contemporanea (Serra, 2013) e Poetiche e individui (Marsilio, 2018). Cura la sezione poesia di «Nuovi Argomenti».

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Novità

Incroci di poesia n. 7

Per questo settimo incrocio due poeti nati negli anni Novanta, uno toscano e una veneziana, presenti nel XIV Quaderno italiano di poesia contemporanea a cura di Franco Buffoni (Marcos y Marcos, 2019), Pietro Cardelli (1994) e Maddalena Lotter (1990). I testi qui pubblicati in parte sono inediti e in parte provengono dalle raccolte presenti nel Quaderno, rispettivamente dal titolo La giusta posizione e Questioni naturali.

La marcia di Radetzky, Joseph Roth

Il romanzo più noto di Joseph Roth, del 1932, tratteggia con toni elegiaci e quasi nostalgici la fine dell’impero asburgico attraverso le vicende di tre generazioni della famiglia Trotta.

Incroci di poesia n. 6

Per questo sesto incrocio due poeti nati negli anni Ottanta e Novanta, uno toscano e uno calabrese, Bernardo Pacini (1987) e Demetrio Marra (1995), con poesie provenienti rispettivamente dalle raccolte Cos’è il rosso (Edizioni della Meridiana, 2013) e Fly mode (Amos Edizioni, 2020), e da Riproduzioni in scala (Interno Poesia, 2019).

Rimini come Hollywood, come Nashville

Rimini, uscito nel 1985 e ora disponibile nella collana “Classici contemporanei” della Bompiani, si pone esattamente al centro della produzione letteraria dello scrittore emiliano e rappresenta, per svariati aspetti, il turning point della sua opera.

Login