La marcia di Radetzky, Joseph Roth

La marcia di Radetzky, Joseph Roth

Consiglio di lettura n. 4

“Allora, prima della Grande Guerra, all’epoca in cui avvennero i fatti di cui si riferisce in questi fogli, non era ancora indifferente se un uomo viveva o moriva.”

copertina di Giordano Coccia

Il romanzo più noto di Joseph Roth, del 1932, tratteggia con toni elegiaci e quasi nostalgici la fine dell’impero asburgico attraverso le vicende di tre generazioni della famiglia Trotta. Durante tutto il corso della vicenda il declino della società asburgica è visibile, tangibile e, nonostante tutto, inesorabile. L’impero prossimo ad entrare in guerra è come il suo imperatore: vecchio, malato e stanco.

Come giustamente viene fatto notare nell’edizione italiana della Adelphi, per Joseph Roth l’impero asburgico non è solo un’entità statale lontana, ma un personaggio, un personaggio che si declina di volta in volta in maniera diversa, ma che appare spesso sotto forma del ritratto dell’imperatore, che tutto vede in ogni parte dell’impero.

Letto dalla parte opposta delle Alpi, il romanzo di Roth offre una rappresentazione inusuale del grande impero, nemico nostrano durante la Grande Guerra. La compagine territoriale guidata da Vienna non è più “l’austria bicipite” di gaddiana memoria o il temibile esercito dell’altopiano di Asiago, ma diventa uno stato che come gli altri presenta le sue fragilità e le sue contraddizioni.

Composto da una pletora di popoli con lingue e religioni diverse, attraversato da spinte indipendentiste e fiaccato dall’età e dalla lentezza, l’impero si spegne insieme alla famiglia Trotta all’alba del conflitto mondiale, che segna la fine di un’età irripetibile. Ad accompagnare i due declini, quello pubblico e quello privato, è l’allegria della marcia di Radetzky, suonata da una banda provinciale la domenica pomeriggio, che trapassa gli anni e le crisi, facendo apparire sempre uguale uno scenario sempre più diverso.

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Novità

Negritude

Nel suo saggio “Orfeo nero”, Senghor (1906-2001) fa conoscere all’Europa il significato della parola ‘negritude’. Nei costumi, nei canti, nei ritmi, nelle danze, di cui il tam tam, nel rullio martellante dei tamburi. Ma cos’è veramente questa negritudine?

Incroci di poesia n. 7

Per questo settimo incrocio due poeti nati negli anni Novanta, uno toscano e una veneziana, presenti nel XIV Quaderno italiano di poesia contemporanea a cura di Franco Buffoni (Marcos y Marcos, 2019), Pietro Cardelli (1994) e Maddalena Lotter (1990). I testi qui pubblicati in parte sono inediti e in parte provengono dalle raccolte presenti nel Quaderno, rispettivamente dal titolo La giusta posizione e Questioni naturali.

La marcia di Radetzky, Joseph Roth

Il romanzo più noto di Joseph Roth, del 1932, tratteggia con toni elegiaci e quasi nostalgici la fine dell’impero asburgico attraverso le vicende di tre generazioni della famiglia Trotta.

Incroci di poesia n. 6

Per questo sesto incrocio due poeti nati negli anni Ottanta e Novanta, uno toscano e uno calabrese, Bernardo Pacini (1987) e Demetrio Marra (1995), con poesie provenienti rispettivamente dalle raccolte Cos’è il rosso (Edizioni della Meridiana, 2013) e Fly mode (Amos Edizioni, 2020), e da Riproduzioni in scala (Interno Poesia, 2019).

Login