Dentro la poesia – Plaquette di poesie

Dentro la poesia: plaquette di poesie

Dal laboratorio "Dentro la poesia"

copertina di Filippo Ilderico

La plaquette

Prefazione di Francesco Ottonello

Questa plaquette raccoglie dieci testi, legati anche a un’esperienza di condivisio- ne poetica, promossa dall’Associazione milanese Lampioni Aerei: il laboratorio Dentro la poesia a cura di Tommaso Di Dio, che ne parla come «luogo del rilancio e dell’ampiezza, lo spazio della complessità e della comunità, alla ricerca di quell’atmosfera da bottega rinascimentale che il cattivo pregiudizio sul lavoro del poeta come arte della solitudine ha troppo spesso sottratto alla concreta pratica del nostro tempo».

In apertura e chiusura troviamo due testi di Tommaso Di Dio (1982), che traggono spunto da un verso di Franco Fortini (1917- 1994), nel mezzo si susseguono due testi per ognuno dei seguenti poeti nati negli anni Novanta: Luigi Fasciana (1992), Francesco Ottonello (1993), Silvia Righi (1995), Michele Milani (1996).

Riconoscimenti

Curatori: Filippo Ilderico e Francesco Ottonello.

Impaginazione: Filippo Ilderico.

Copertina: Filippo Ilderico.

Poeti: Tommaso Di Dio, Luigi Fasciana, Francesco Ottonello, Silvia Righi e Michele Milani.

Introduzione: Filippo Ilderico.

Prefazione: Francesco Ottonello.

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback live
Visualizza tutti i commenti.

Le altre pubblicazioni

Poesia e Contemporaneo – Volume 2

L’opera contiene la trascrizione rivisitata di cinque dei dieci incontri delle prime due edizioni della rassegna “MediumPoesia: Poesia e Contemporaneo”.

Poesia e Contemporaneo – Volume 1

L’opera contiene la trascrizione rivisitata di cinque dei dieci incontri delle prime due edizioni della rassegna “MediumPoesia: Poesia e Contemporaneo”.

Il primo caffè

Raccolta di racconti, prefazione di Alessandro Crea. Autori: Giulia Annecca, Giordano Coccia, Teresa David, Mario Marconetti, Elena Marras, Sofia Masullo e Elena Sofia Ricci.

Novità

Abitare i livelli di realtà

L’incontro esplorerà criticamente, con l’autore, le possibilità della costruzione narrativa e non narrativa degli spazi abitati, anche a livello “microscopico”; nondimeno considerando la ripubblicazione di Tecniche di basso livello, Senza paragone e Quando arrivarono gli alieni nella Trilogia Low, per Tic Edizioni.

Abitare Milano: letteratura e identità urbana

Ci sono tre dimensioni dell’abitare una città: l’abitare collettivo, cioè l’incontro fra esseri umani che si scambiano cose e idee, l’abitare pubblico, cioè la condivisione di certi valori comuni e infine l’abitare privato, cioè la scelta di un piccolo mondo personale. Insieme a Michele Turazzi, autore di Milano di carta, rifletteremo sulle dimensioni dell’abitare lo spazio urbano e ripercorreremo le orme dei maggiori autori del Novecento che hanno abitato, raccontato, vissuto la metropoli meneghina.

Abitare il visivo come diritto del corpo

Il cinema vive da sempre una doppia natura: medium della rappresentazione dei corpi egli al contempo li crea e contribuisce a definirli come costruzioni sociali. In un’epoca dove le immagini sono sempre più pervasive e la questione della vulnerabilità del corpo è sempre più pressante, in che modo il cinema contribuisce a definire una politica della visibilità dei corpi?

Abitare le soglie

La soglia – intesa tanto nella sua conformazione fisica di porta o finestra, attraverso la quale il nostro sguardo si affaccia sul mondo, quanto nella sua accezione mediale di schermo, non pura superficie ma interfaccia – si è imposta come immagine cardine della collettiva esperienza-limite del lockdown, in quanto trafficato punto di incontro e di relazione tra un al di qua e un al di là, tra spazi fisici e immaginativi, ingaggiati in un continuo e fecondo rapporto dialettico. La percezione di tale soglia e la sua narrazione – cinematografica e non – saranno al centro del dialogo con il regista Filippo Ticozzi.

0
Ci interessa la tua opinione, lascia un commento!x

Login