Il Simbolo impalpabile: la pratica educativa

Quinto incontro

E se parlassimo di Simbolo nella pratica educativa? Lo si può spiegare o è qualcosa che emerge dall’azione e dall’interazione? Può un diverso approccio allo strumento o a qualsiasi altra materia essere veicolo di importanti significati? Ne parleremo con il chitarrista, arrangiatore e insegnante di musica Angelo Martines nell’ultimo incontro della nostra rassegna dal titolo “La letteratura e gli altri: dialoghi”. Un’entusiasmante conclusione che chiude il nostro viaggio, alla ricerca dei significati che accomunano e differenziano le diverse professioni prese da noi in esame per affrontare il complicato tema del simbolo. Non mancate! 

Vi aspettiamo il 20 luglio, ore 18:30 in diretta sul nostro canale YouTube!

Con Angelo Martines

Chitarrista, arrangiatore, insegnante di musica, Angelo Martines nasce a Gela nel 1976 e inizia gli studi di chitarra classica all’età di 10 anni. Dopo la maturità scientifica prosegue con gli studi sotto la guida del M° Stefano Palamidessi con il quale si diploma brillantemente presso il conservatorio G. Rossini di Fermo. 

Dal 1997 al 2001, parallelamente agli studi di composizione e a quelli di chitarra elettrica jazz con il M° Umberto Fiorentino, frequenta il  corso di alta formazione concertistica presso l’Accademia Internazionale di chitarra “Arts Academy” di Roma, dove si perfeziona con  il M° Nuccio D’Angelo, il M° David Russell, il M° Nigel North, il M° Roland Dyens, M°Carlos Bonell, M° David Starobin, il M° Albert Ponce, il M° Alirio Diaz,  il M° Frank Bungarten, il  M° Betho Davezac ed il M° Carlo Marchione.

Nel 2001 insegna chitarra a Holmavik (Islanda) e terrà concerti e masterclass a Reykjavik , presso il consolato italiano in Islanda. Continuerà a perfezionarsi con il M° Giovanni Puddu. Oltre all’attività solistica che lo vede esibirsi presso varie associazioni nazionali, è attualmente consulente musicale per la cooperativa teatrale  “Punto Improprio”,  per la quale ha composto musiche per spettacoli teatrali come La dodicesima notte di W. Sheakspeare  e Rosso Malpelo di G. Verga . 

E’ componente del Duo Anlagen, un progetto di musica contemporanea per clarinetto e chitarra, duo che ha ottenuto diversi premi in varie competizioni nazionali ed internazionali, tra cui il Primo Premio al concorso internazionale “E. Sollima” e Primo Premio a concorso internazionale “Città di Barcellona”. Decisivo l’incontro con la pianista e concertista Christa Butzberger, con la quale si dedica all’approfondimento della fenomenologia musicale, come delineata per primo dal grande direttore romeno Sergiu Celibidache. Grazie al suo trascorso, è oggi un artista poliedrico ed ha in attivo diversi progetti che hanno come scopo quello di fondere insieme più arti: crea “Materia”, progetto di musica e visual art che mette in scena all’auditorium Rai di Palermo e collabora con la danzautrice Ilenia Romano nel progetto “Alegre Saudade” per corpo e chitarra. E’ docente di chitarra presso il Liceo Musicale “Cavour” di Torino.

Gli appuntamenti precedenti

Il Simbolo Il 2020 è stato caratterizzato (e lo è ancora) dalla spiazzante emergenza sanitaria e sociale degli ultimi mesi, inducendo l’intera comunità mondiale e

Scopri di più »
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Novità

Negritude

Nel suo saggio “Orfeo nero”, Senghor (1906-2001) fa conoscere all’Europa il significato della parola ‘negritude’. Nei costumi, nei canti, nei ritmi, nelle danze, di cui il tam tam, nel rullio martellante dei tamburi. Ma cos’è veramente questa negritudine?

Incroci di poesia n. 7

Per questo settimo incrocio due poeti nati negli anni Novanta, uno toscano e una veneziana, presenti nel XIV Quaderno italiano di poesia contemporanea a cura di Franco Buffoni (Marcos y Marcos, 2019), Pietro Cardelli (1994) e Maddalena Lotter (1990). I testi qui pubblicati in parte sono inediti e in parte provengono dalle raccolte presenti nel Quaderno, rispettivamente dal titolo La giusta posizione e Questioni naturali.

La marcia di Radetzky, Joseph Roth

Il romanzo più noto di Joseph Roth, del 1932, tratteggia con toni elegiaci e quasi nostalgici la fine dell’impero asburgico attraverso le vicende di tre generazioni della famiglia Trotta.

Incroci di poesia n. 6

Per questo sesto incrocio due poeti nati negli anni Ottanta e Novanta, uno toscano e uno calabrese, Bernardo Pacini (1987) e Demetrio Marra (1995), con poesie provenienti rispettivamente dalle raccolte Cos’è il rosso (Edizioni della Meridiana, 2013) e Fly mode (Amos Edizioni, 2020), e da Riproduzioni in scala (Interno Poesia, 2019).

Login