Il gigante sepolto

Fotografia di Myriam Nicoli

«Ma la nebbia copre tutti i ricordi, i brutti come i belli. Non è così, mia signora?»
«Che tornino anche quelli brutti, seppure ci faranno piangere o tremare di rabbia. Non è comunque la vita che abbiamo avuto insieme?»

Nel suo romanzo del 2015 Il gigante sepolto Kazuo Ishiguro, Premio Nobel per la Letteratura 2017, costruisce un mondo dai tratti fantastici eppure talmente realistici da riuscire ad inquietare il lettore contemporaneo, sommerso da una realtà che “cambia discorso” ogni giorno, che costringe a selezionare i pensieri e i ricordi in base alle esigenze di questo mondo frenetico e sempre più in corsa contro il tempo.

Nel suo romanzo del 2015 Il gigante sepolto Kazuo Ishiguro, Premio Nobel per la Letteratura 2017, costruisce un mondo dai tratti fantastici eppure talmente realistici da riuscire ad inquietare il lettore contemporaneo, sommerso da una realtà che “cambia discorso” ogni giorno, che costringe a selezionare i pensieri e i ricordi in base alle esigenze di questo mondo frenetico e sempre più in corsa contro il tempo.

Ishiguro usa toni diversi da quelli cui aveva abituato il suo lettore con i suoi lavori precedenti, e del resto lo stesso autore ha dichiarato, in un’intervista al New York Times,“Will readers follow me into this? Will they understand what I’m trying to do, or will they be prejudiced against the surface elements? Are they going to say this is fantasy?” 1. Eppure i temi sono proprio quelli che stanno a cuore a Ishiguro.

Quello della memoria in particolare, centrale nel romanzo, è certo contornato dai tipici elementi del fantasy (una rigorosa ambientazione nell’Inghilterra medievale del leggendario Re Artù, monasteri e monaci, cavalieri, streghe e draghi e orchi…) ma viene declinato in tutte le sue sfaccettature da due protagonisti singolari, Axl e Beatrice, un’anziana coppia che decide di mettersi in viaggio alla ricerca del loro figlio. Non ricordano nulla di lui, solo di averlo avuto in un tempo lontano, né sanno dove sia: una strana nebbia avvolge infatti i villaggi degli uomini, un fumo misterioso li priva dei loro ricordi. Attraverso un viaggio che, come tutti i viaggi della letteratura, assume significativi contorni metaforici e allegorici, Ishiguro conduce Axl e Beatrice – e insieme a loro il lettore – alla riscoperta dei ricordi passati, forse però a un prezzo molto alto.

NOTE:
  1. Alexandra Alter, Per Kazuo Ishiguro, “The Buried Giant” è una partenza (The New York Times, 2015)[]
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback live
Visualizza tutti i commenti.

Novità

Abitare i livelli di realtà

L’incontro esplorerà criticamente, con l’autore, le possibilità della costruzione narrativa e non narrativa degli spazi abitati, anche a livello “microscopico”; nondimeno considerando la ripubblicazione di Tecniche di basso livello, Senza paragone e Quando arrivarono gli alieni nella Trilogia Low, per Tic Edizioni.

Abitare Milano: letteratura e identità urbana

Ci sono tre dimensioni dell’abitare una città: l’abitare collettivo, cioè l’incontro fra esseri umani che si scambiano cose e idee, l’abitare pubblico, cioè la condivisione di certi valori comuni e infine l’abitare privato, cioè la scelta di un piccolo mondo personale. Insieme a Michele Turazzi, autore di Milano di carta, rifletteremo sulle dimensioni dell’abitare lo spazio urbano e ripercorreremo le orme dei maggiori autori del Novecento che hanno abitato, raccontato, vissuto la metropoli meneghina.

Abitare il visivo come diritto del corpo

Il cinema vive da sempre una doppia natura: medium della rappresentazione dei corpi egli al contempo li crea e contribuisce a definirli come costruzioni sociali. In un’epoca dove le immagini sono sempre più pervasive e la questione della vulnerabilità del corpo è sempre più pressante, in che modo il cinema contribuisce a definire una politica della visibilità dei corpi?

Abitare le soglie

La soglia – intesa tanto nella sua conformazione fisica di porta o finestra, attraverso la quale il nostro sguardo si affaccia sul mondo, quanto nella sua accezione mediale di schermo, non pura superficie ma interfaccia – si è imposta come immagine cardine della collettiva esperienza-limite del lockdown, in quanto trafficato punto di incontro e di relazione tra un al di qua e un al di là, tra spazi fisici e immaginativi, ingaggiati in un continuo e fecondo rapporto dialettico. La percezione di tale soglia e la sua narrazione – cinematografica e non – saranno al centro del dialogo con il regista Filippo Ticozzi.

0
Ci interessa la tua opinione, lascia un commento!x

Login