Saggio su Pan

Grafica di Martina Santurri

Non sono molti i casi in cui i saggi specialistici rompono la barriera della settorialità per divenire opere divulgative e raggiungere così il grande pubblico.
È questo il caso di Saggio su Pan di James Hillman, che nel corso degli anni si è guadagnato la fama di libro di culto. Le ragioni vanno in parte rintracciate nella specificità della figura di Hillman stesso, molto più che semplice psicologo junghiano, bensì inventore, o sarebbe meglio dire esploratore, di concetti cardine come “inconscio collettivo” (termine coniato per primo da Jung) e di “psicologia archetipica”.  Saggio su Pan, infatti, indaga temi che cristallizzano in modo ideale alcune delle grandi domande del nostro tempo, ovvero: che ruolo hanno istinto e inconscio nei nostri comportamenti più animaleschi, violenti, irrazionali?

Per rispondere a questa domanda Hillman, come Nietzsche e altri prima di lui, si rifà al mito dell’antica Grecia e, nello specifico, al dio Pan. Irsuto, caprino, fallico, bambino “abbandonato avvolto in pelle di animale ma gradito agli dei”, Pan personifica ciò che è “naturale” nella nostra coscienza, ossia l’istinto che trascende qualsiasi scopo per diventare divino.

La sua forza archetipica si manifesta in esperienze reali e a tratti patologiche come l’incubo, la masturbazione, il panico e lo stupro. Secondo Hillman sarebbe tuttavia un errore vedere in Pan solo la rappresentazione soggettiva di idee astratte. Questo dio, solitario e lascivo, è a tutti gli effetti qualcosa di vivido, parte integrante della nostra natura oggettiva e condivisa. Il motivo per cui Pan si manifesta solo nell’incubo e nelle caratteristiche erotiche e demoniache ad esso associate deriva dal fatto che è stato rimosso, ed è quindi costretto a ritornare a noi solo nelle psicopatologie dell’istinto.

In un famoso mito delle Metamorfosi di Apuleio, la mortale Psiche sul punto di suicidarsi viene salvata proprio da Pan. Per Hillman, dunque, Pan non è solo distruttore ma anche preservatore. Il dio che porta la pazzia è anche il solo che può curarci da essa. Prima però è necessario accettarlo, riconoscere la sua natura dentro di noi.

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback live
Visualizza tutti i commenti.

Novità

Abitare i livelli di realtà

L’incontro esplorerà criticamente, con l’autore, le possibilità della costruzione narrativa e non narrativa degli spazi abitati, anche a livello “microscopico”; nondimeno considerando la ripubblicazione di Tecniche di basso livello, Senza paragone e Quando arrivarono gli alieni nella Trilogia Low, per Tic Edizioni.

Abitare Milano: letteratura e identità urbana

Ci sono tre dimensioni dell’abitare una città: l’abitare collettivo, cioè l’incontro fra esseri umani che si scambiano cose e idee, l’abitare pubblico, cioè la condivisione di certi valori comuni e infine l’abitare privato, cioè la scelta di un piccolo mondo personale. Insieme a Michele Turazzi, autore di Milano di carta, rifletteremo sulle dimensioni dell’abitare lo spazio urbano e ripercorreremo le orme dei maggiori autori del Novecento che hanno abitato, raccontato, vissuto la metropoli meneghina.

Abitare il visivo come diritto del corpo

Il cinema vive da sempre una doppia natura: medium della rappresentazione dei corpi egli al contempo li crea e contribuisce a definirli come costruzioni sociali. In un’epoca dove le immagini sono sempre più pervasive e la questione della vulnerabilità del corpo è sempre più pressante, in che modo il cinema contribuisce a definire una politica della visibilità dei corpi?

Abitare le soglie

La soglia – intesa tanto nella sua conformazione fisica di porta o finestra, attraverso la quale il nostro sguardo si affaccia sul mondo, quanto nella sua accezione mediale di schermo, non pura superficie ma interfaccia – si è imposta come immagine cardine della collettiva esperienza-limite del lockdown, in quanto trafficato punto di incontro e di relazione tra un al di qua e un al di là, tra spazi fisici e immaginativi, ingaggiati in un continuo e fecondo rapporto dialettico. La percezione di tale soglia e la sua narrazione – cinematografica e non – saranno al centro del dialogo con il regista Filippo Ticozzi.

0
Ci interessa la tua opinione, lascia un commento!x

Login